Chiudi

Ricerca

Mara Pace racconta “La casa ai confini della magia”

mara pace la casa ai confini della magia

Quando la redazione mi ha contattato per propormi di tradurre The House at the Edge of Magic di Amy Sparkes era piena estate: mi sono subito tuffata nella lettura. Come traduttrice, e ancor di più come giornalista (rivista Andersen) incontro tantissimi libri per ragazzi, ma è piuttosto raro imbattersi in pagine che sanno mescolare umorismo, comicità e leggerezza, senza rinunciare a un pizzico di poesia ed emozione. Lo scorso anno più che mai, dopo i lunghi mesi di lockdown, sentivo il bisogno di storie che mi facessero ridere e che mi portassero lontano, in territori fantastici:

Amiamo viaggiare per i mondi, e nei mondi che si celano tra un mondo e l’altro

dice il mago Basito alla protagonista del romanzo, Nove, lasciandole intravedere infinite possibilità di scoperta e avventura.

“Avevamo la libertà dei mondi. E dei posti perduti tra i mondi. Luoghi che non potete nemmeno immaginare. Oh, sono davvero meravigliosi.” La traduttrice legge un dialogo tra Nove e il mago Basito, che le racconta dei viaggi della Casa tra i mondi (pp. 81-82)

Ho accettato la traduzione con entusiasmo, e mi sono così garantita una minuscola porta a cui bussare in inverno (quando ho tradotto il romanzo) per entrare in un mondo imprevedibile, irragionevole e sorprendente: una casa viaggiante abitata da un troll armato di spolverino che offre sempre caramelle, un mago in pigiama appassionato del gioco della Campana e un cucchiaio di legno parlante.
Una casa dove le lancette degli orologi (esagonali e con quindici ore) corrono all’indietro e dove gli scheletri negli armadi si sentono soli.
La casa è oggetto di una maledizione, e sarà proprio Nove – colei che ha bussato alla porta – a doverla sciogliere perché il mago Basito e la sua assurda compagnia possano riprendere a viaggiare tra i mondi.

“La piccola casa le vibrava sulla mano. Nove la fissò mentre tremava sempre più forte, facendo tintinnare il piccolo batacchio contro la porta.” La traduttrice legge il brano in cui il piccolo oggetto rubato da Nove si trasforma nella Casa ai Confini della Magia (pp. 20-21)


Enigmi, indovinelli e canzoni hanno messo alla prova anche me: ho cercato di re-inventarli restando il più possibile vicina al testo originale, ma sempre con l’obiettivo di renderli divertenti come lo erano stati per me quando ho letto per la prima volta il romanzo di Amy Sparkes. Mi sono confrontata più volte anche con la redazione, per sciogliere dubbi o trovare nuove soluzioni, soprattutto nella (delicata) scelta dei nomi per alcuni personaggi.
Un altro ingrediente che mi ha conquistato de La casa ai confini della magia è il ruolo dato ai libri dall’autrice, con un sentito omaggio ai bibliotecari, che condivido appieno. Nei ringraziamenti scrive infatti:


Un pensiero va a tutti i bibliotecari del mondo, che aprono così tante porte e possibilità ai bambini, aiutandoli a scoprire altri mondi

Nove, quando è ancora una ladruncola a servizio di Taschino, trova rifugio tra i libri. Il bibliotecario Downes, anche se lei non è in possesso di una regolare tessera, le permette infatti di prendere in prestito i gialli che tanto ama. Perché le storie sono un “bene essenziale” (lo abbiamo riscoperto nell’ultimo anno) e appartengono a tutti.

Testo, audio e foto in testata: Mara Pace


  • Iscriviti alla nostra newsletter

    Subscribe to our newsletter

    Our monthly newsletter with a selection of the best posts

  • Terre di mezzo

    Casa editrice con sede a Milano. Pubblichiamo 70 titoli all’anno, scelti e realizzati con cura per voi.
    I Percorsi a piedi e in bicicletta, i libri per bambini de L’Acchiappastorie, i manuali creativi delle Ecofficine sono le nostre collane principali.
    Per primi abbiamo pubblicato la Guida al Cammino di Santiago, titolo bestseller oggi giunto alla 12ma edizione.
    Tra i nostri libri più amati e conosciuti: La grande fabbrica delle parole, albo illustrato da Valeria Docampo e la serie Dory Fantasmagorica, di Abby Hanlon.

Nessun prodotto nel carrello.