Chiudi

Ricerca

Ricerca

Centenario della nascita di Luciano Bianciardi. Ripubblichiamo una piccola perla: “Adorno”

Il 14 dicembre 2022 cade il centenario dalla nascita di Luciano Bianciardi, uno degli intellettuali irregolari, difficilmente incasellabile, della letteratura italiana del Novecento. Per celebrare questo grande scrittore e traduttore, nella nuova collana di narrativa illustrata I Biplani abbiamo pubblicato un suo racconto: Adorno.

Scritto a Milano nel 1963, appena un anno dopo La vita agra, il romanzo di maggior successo di Bianciardi, questo testo è una piccola perla. La lingua nobile e limpida dell’autore ci riporta nella Grosseto di quando era ragazzo. 

Quando avevo dodici anni la mia città, piccola sempre, era più piccola ancora, e stava quasi tutta dentro le vecchie mura, costruite chissà quando dai caporioni di Santa Fiora, gli Aldobrandeschi.

“Uscendo dalla Porta Vecchia imboccavi una strada polverosa che portava fino all’Ombrone, il più bel fiume del mondo, se non ricordo male.”

L’Adorno del titolo è il capo di una banda di ragazzini dai nomi truci (Arronzabussoli, Picchiadiavoli, il Sordo…) che un sabato pomeriggio si scontra con la banda della strada appena fuori le mura, via Tripoli, per il controllo della fortezza. La voce narrante è quella di Diaccino che, per quanto mingherlino, è il braccio destro del capo, perché è l’unico che va ancora a scuola.

Di soprannome mi chiamavano Diaccino, perché ero un po’ goffo, parlavo poco e mi entusiasmavo di rado.

Tra questi ragazzini l’onore ha un peso specifico importante.

Otello era forte e leale, la sua parola valeva almeno quanto la parola di Adorno, il capo nostro da sempre, indiscusso.

E la battaglia è seria. 

Sabato, se date retta a me, si bucano più teste di tripolini che palloncini al tiro a segno. E voglio vedere se ci restano, al boschetto.

In queste pagine vivaci, Bianciardi, scrittore anarchico estremamente critico verso la trappola del boom economico del dopoguerra, lascia trasparire una certa malinconia per i tempi di quando era ragazzo. Allora i diverbi si risolvevano sì a sassate, ma il concetto di giustizia era molto chiaro e non negoziabile, e si accompagnava a una rara sensibilità e a una solidarietà verso chi ha fame che non si fermava neanche davanti alla rabbia per essere stati traditi.

L’avvincente racconto, che ricorda le atmosfere di I ragazzi della via Pál, di Ferenc Molnár, è accompagnato dalle coloratissime illustrazioni di Lucio Schiavon, che interpretano perfettamente il dinamismo e la genuinità delle parole dell’autore.

Sara Ragusa è editor delle collane I Biplani e Archivio diaristico di Terre di mezzo Editore. Specializzata in inglese e spagnolo, è inoltre traduttrice.

Prossime uscite

consigliato da noi

  • Iscriviti alla nostra newsletter

    Vuoi rimanere aggiornato sulle novità di Terre di mezzo?

    "*" indica i campi obbligatori

    Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
  • Terre di mezzo

    Terre di mezzo editore è una casa editrice fondata a Milano nel 1994.
    Pubblica ogni anno più di 100 titoli. Tra le collane principali ci sono: L’Acchiappastorie albi e narrativa per bambini e ragazzi, i Percorsi a piedi e in bicicletta, I Biplani, racconti di grandi autori illustrati da artisti di fama, i manuali creativi delle Ecofficine.
    I primi grandi bestseller sono stati la guida al cammino di Santiago de Compostela e La grande fabbrica delle parole, di Valeria Docampo.
    Negli ultimi anni ha portato in Italia le serie di Dory Fantasmagorica e Cane Puzzone, ha pubblicato più di 40 guide ai cammini italiani e ha dato alle stampe i testi di Paolo Cognetti e Erri De Luca impreziositi dalle illustrazioni di Alessandro Sanna, e di Wislawa Szymborska con Guido Scarabottolo, e Claudio Piersanti con Lorenzo Mattotti.

Nessun prodotto nel carrello.