Chiudi

Ricerca

Ricerca

Italia, Paese di Cammini. Tutti i numeri del 2022

In Italia cresce il numero di cammini ben strutturati e delle persone, in maggioranza donne, che li percorrono interamente. Con una ricaduta economica anche sui territori attraversati: nel 2022 il passaggio dei camminatori ha prodotto almeno un milione di pernottamenti documentati, il che consente di dire che nella realtà la cifra è certamente più ampia.
Sono questi alcuni degli aspetti più interessanti che emergono dalla sesta edizione di “Italia, Paese di Cammini”, il dossier di Terre di mezzo Editore che raccoglie i dati di associazioni ed enti che rilasciano le Credenziali e i Testimonium (cioè i documenti di partenza e di arrivo dei Cammini) e i risultati di un questionario a cui hanno risposto oltre 3.000 camminatori e camminatrici. I dati sono stati presentati a Milano il 24 marzo 2023 nell’ambito della Fiera dei Grandi Cammini a Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili.

Vediamo i dati raccolti più nel dettaglio, intanto ricordando che si tratta della sesta rilevazione, il che consente di avere un quadro dell’evoluzione del fenomeno in Italia.
L’indagine di Terre di mezzo registra intanto una novità importante: i Testimonium distribuiti, ossia i documenti con cui viene “certificato” che il camminatore ha concluso il cammino (o ne ha compiuto una parte significativa), sono quasi triplicati. Nel 2022 sono stati distribuiti 33.014 Testimonium. Un netto incremento rispetto al 2021 (10.821): attenzione però, l’aumento è dovuto in primis al fatto che oggi sono 47 i Cammini che rilasciano il Testimonium, rispetto ai 19 del 2021 (nel 2017 erano solo 3). Quindi la crescita netta dei camminatori in Italia è legata anche al crescere dei Cammini che si possono percorrere nel nostro Paese. E il dato di 33.014 Testimonium, quasi tutti consegnati all’arrivo o spediti successivamente, racconta che i Cammini sono sempre più strutturati. In passato la distribuzione dei Testimonium era molto limitata per problemi organizzativi. La consegna del Testimonium comporta infatti che alla meta ci sia un’associazione e un ente che accolga il camminatore.

Per quanto riguarda le Credenziali, il 2022 conferma il trend di crescita registrato già dal 2021. Il numero di persone che ritirano una Credenziale ha raggiunto e superato i dati pre-pandemia. Nel 2022 i dati parlano di 86mila Credenziali consegnate e registrate.
Dal questionario, studiato da Terre di mezzo Editore e a cui tra febbraio e marzo 2023 hanno risposto 3.108 persone, emerge che mediamente si cammina per 8 giorni. Si può inoltre stimare che nel 2022 abbiano intrapreso un cammino almeno 123mila persone: la cifra è ottenuta tenendo conto che, come emerge dal questionario, almeno un terzo di coloro che intraprendono un Cammino non chiede la Credenziale.
Sulla base dell’incrocio dei dati possiamo dire che nel 2022 ci sono stati almeno un milione di pernottamenti documentati, e certamente è un dato per difetto.

A Santiago!

I pellegrini arrivati nel 2022 a Santiago de Compostela in Spagna sono stati 438.632, il 26% in più rispetto al 2019, ossia prima della pandemia. Quindi un incremento significativo, dovuto a due fattori. Il 2022 (come anche il 2021) è stato un Anno Santo compostelano e ha attirato soprattutto pellegrini spagnoli: questi ultimi sono stati ben 239.609 (rispetto ai 146.356 del 2019), i più numerosi rispetto a tutte le altre nazionalità. Gli italiani, secondi dopo solo gli spagnoli, sono stati 27.134, 1.615 in meno rispetto al pre-pandemia. Il percorso più gettonato per giungere a Santiago de Compostela rimane il Cammino Francese con oltre 226mila presenze, seguito da quello Portoghese (93.291). C’è però un aumento di chi si incammina su itinerari meno battuti in passato, come il Cammino Inglese dove si registra un +53% di presenze.

Le Credenziali e i Testimonium

Credenziali e Testimonium in Italia sono, come abbiamo visto, in crescita. Ma mentre il trend positivo delle Credenziali è ormai un fatto noto e costante (salvo gli anni della pandemia), quello dei Testimonium segna una svolta e sarà interessante studiarne l’andamento nei prossimi anni. Gli incrementi di Crendenziali e Testimonium sono dovuti soprattutto alla nascita di nuovi Cammini ma anche al miglioramento dei servizi (dalla segnaletica alle strutture per l’ospitalità) in quelli storici.

Il dato delle Credenziali comprende chi percorre tutto il Cammino e chi ne copre solo una parte rimandando ad altri anni o momenti la conclusione. Negli ultimi 2 anni, 26 Cammini in più hanno iniziato a distribuire la Credenziale e a tenerne la registrazione; 12 Cammini hanno dichiarato che inizieranno nel 2023 mentre altri 19 distribuiscono la Credenziale ma non ne tengono la registrazione e quindi non sono in grado di fornire i dati. Ci sono enti o associazioni che spediscono la Credenziale (e quindi non si sa se poi effettivamente chi la riceve si mette in cammino subito) e altri che la consegnano nel luogo di partenza. Le 86mila Credenziali sono quindi sottostimate ma il dato documenta con certezza la tendenza del fenomeno dei Cammini in Italia.

Il Sondaggio: “Io e il mio cammino”

La quarta edizione del questionario tra i camminatori, curato da Terre di mezzo Editore, si basa sulle risposte di oltre 3mila persone. Realizzato con un questionario on line, traccia l’identikit, i bisogni e le scelte dei camminatori in Italia.
Il 72% di chi ha risposto è un camminatore particolarmente “appassionato”: tra questi, il 37% dichiara che “non può più fare a meno dei Cammini”. Quasi una ragione di vita!
Solo il 15% ha dedicato al camminare meno di 20 giorni nel corso del 2022; il 16% dichiara di averci speso dai 51 ai 100 giorni e il 12% più di tre mesi in totale.
Cammino di Santiago, Via Francigena (in Italia) e Via degli Dei risultano essere gli itinerari più frequentati. E sono in cima ai pensieri anche di chi sta meditando di partire nel 2023.
Un quinto di chi ha risposto dichiara di essere alla prima esperienza. Tutti gli altri si sono cimentati negli anni in più Cammini, sia nel Belpaese che all’estero.

Come si sceglie un Cammino? Il passaparola conta ancora più di ogni altro mezzo di conoscenza. È stato fondamentale per il 34%, dei partenti mentre il 24% lo ha scovato navigando in internet e il 15% sui social network.
Alla domanda fondamentale, “perché ti sei messo in cammino?”, il 70% risponde perché era alla ricerca di un “benessere mentale ed emotivo”, il 59% per stare in mezzo alla natura, il 54% per conoscere i borghi e il territorio. Rispetto al sondaggio dell’anno scorso, spicca il fatto che nel 2021 chi era alla ricerca di benessere mentale ed emotivo era il 51,2%: segno insomma che abbiamo tutti un gran bisogno di “riprenderci” il nostro tempo e il camminare viene ritenuto ormai un ottimo modo per staccare e rigenerarsi.
Oltre il 70% delle persone cammina in Italia.
Tra le domande nuove di quest’anno il questionario apre un velo su come viene raggiunta la località di partenza del Cammino: il 35% risponde “in treno”, il 31% in auto e il 24% in aereo.

Come viaggiano i camminatori

Primavera ed estate sono le due stagioni preferite per mettersi in cammino. Anche se con notevoli differenze tra i mesi. E così il luglio 2022 è risultato meno gradito rispetto a maggio-giugno o anche rispetto ad agosto e settembre.
Il 61% ha compiuto interamente il percorso e questo dato è confermato anche dal trend positivo dei Testimonium distribuiti, come abbiamo evidenziato sopra.
Quasi il 40% dedica oltre una settimana al Cammino prescelto, ma crescono le persone che camminano da 1 giorno a 1 settimana (dal 55% al 63%).
Il 28% cammina da solo e il 34% in coppia. In crescita anche il dato di coloro che decidono di partire in gruppo.
La guida cartacea è intramontabile: viene utilizzata dal 60% dei camminatori. Il 41% utilizza anche le tracce gps sul cellulare, il 34% ha consultato una app. Tra l’altro, uno strumento non esclude l’altro.

L’identikit

Sono sempre di più le donne a mettersi in cammino. Dal questionario di quest’anno emerge che le donne sono il 54,6%, mentre l’anno scorso erano il 50,4%.
Per quanto riguarda l’età, una persona su tre che si mette in cammino ha tra i 51 e i 60 anni.
Il 46% è un lavoratore dipendente e il 17% un libero professionista: i Cammini non sono quindi appannaggio di chi ha tanto tempo, ma sono alla portata anche di chi deve conciliare questa passione con il lavoro e/o con gli impegni famigliari.

L’Economia dei Cammini

Guide, mappe, vestiario, pernottamenti, pranzi, merende e cene: il camminatore muove l’economia, soprattutto quella di zone e borghi spesso ai margini del turismo di massa. E i numeri sono di tutto rispetto.
Dal sondaggio emerge che la spesa media è di circa 40 euro al giorno.
Il 38% (e sono in crescita rispetto all’anno precedente) ha scelto di pernottare nei bed & breakfast, mentre il 24% negli ostelli (preferiti invece da chi è alla prima esperienza). A mezzogiorno quasi tutti si accontentano di un pranzo al sacco, ma poi a cena si cerca di recuperare le energie in un ristorante o in una pizzeria. Dopo ore di cammino e di fronte alla prospettiva di gustare qualche piatto tipico del Belpaese nessuno resiste!

Ringraziamo tutti quanti ci hanno fornito i dati sui Cammini e hanno diffuso il questionario “Io e il mio Cammino”
Alta Via delle GrazieAssociazione Europea delle Vie FrancigeneCammini francigeni di SiciliaCammini LauretaniCammino 100 Torri – Cammino Celeste – Cammino degli Aurunci – Cammino dei Borghi SilentiCammino dei BrigantiCammino dei Cappuccini – Cammino dei Mille – Cammino dei Monaci – Cammino dei Monti e dei Santi – Cammino dei Protomartiri Francescani – Cammino dei Ribelli – Cammino del Deserto – Cammino della Luce – Cammino delle Valli – Cammino del Salento – Cammino del Tigullio – Cammino dell’Unione – Cammino di Adelaide – Cammino di Carlo Magno – Cammino di Dante – Cammino di Dante nel Casentino – Cammino di Don ToninoCammino di Oropa – Cammino di San Francesco da Rimini a La Verna – Cammino di San Bartolomeo – Cammino di San BenedettoCammino di San Colombano – Cammino di San Filippo Neri – Cammino di San Francesco di PaolaCammino di San Giacomo in Sicilia – Cammino di San Jacopo Toscana – Cammino di San Nilo – Cammino di San Pellegrino – Cammino di Santa Giulia – Cammino di Sant’Antonio – Cammino di San Tommaso – Cammino di Santu Jacu – Cammino Fogazzaro Roi – Cammino francescano della Marca – Cammino grande di Celestino – Cammino Kalabria Coast to Coast – Cammino Mariano delle Alpi – Cammino MateranoCammino Minerario di Santa BarbaraCammino nelle Terre Mutate – Cammino San Vili – Cammino Sant’Agostino – Confraternita di San Jacopo di Compostella – Di qui passò Francesco… con le ali ai piedi – Glorioso Rimpatrio – Grande Cammino del Monferrato – Periplo di SiciliaRotta dei due mari Sentiero dell’IngleseSicily Divide – Trasversale Sicula – Via del Chianti – Via degli Abati e del Volto Santo – Via degli Dei – Via dei Frati – Via dei Gessi e dei Calanchi – Via dei Lupi – Via dei Santuari – Via del Trasimeno – Via della Lana e della Seta – Via del Tratturo – Via di Francesco – Via Francigena Renana – Via Francisca del Lucomagno – Via Ghibellina – Via Matildica del Volto Santo – Via Medicea – Via Romea Germanica – Via Silente – Via Valeriana – Via VandelliVie del BenacoVie del ViandanteRagazze in gambaRete Nazionale Donne in Cammino Via CarolingiaCammino BasilianoTigullio TrekkingCiclovia Parchi CalabriaVia del TratturoRete Associativa Via di Francesco nel Lazio Via SlugaS-CapeTrekking-etc

Prossime uscite

consigliato da noi

Nessun prodotto nel carrello.