Dancalia

Andrea Semplici ISBN: 9788861893177

Un deserto di sale, un vulcano che gioca a nascondersi, un lago che attira gli uccelli e poi li uccide.

Chi viaggia in Dancalia, ai confini fra Etiopia ed Eritrea, muove i propri passi su rocce dai colori psichedelici, rischia di impantanarsi nelle sabbie morte del Saba river, o di perdersi nella pace della locanda di Madame Kiki, sorta ai bordi del deserto come una pianta pioniera.

Ma la Dancalia è degli afar, un popolo enigmatico e “feroce” (così dicono cronisti e studiosi), che schiude la propria straordinaria umanità solo a chi, mettendo da parte gli stereotipi sull’Africa, sa stare “fianco a fianco con la diversità”.

Un racconto che ripercorre le gesta di esploratori e colonialisti italiani che tra la fine dell’800 agli anni del fascismo elessero la Dancalia come teatro privilegiato per le loro scorribande. Dalla spedzione del garibaldino Giulietti, che nel 1881 si avventurò nel deserto di lava con tanta superbia e spavalderia da farsi uccidere, ai battibecchi fra Ludovico Nesbitt e il barone Franchetti, che negli anni 30 si accapigliavano, contendedosi il primato della traversata della Dancalia. E che morirono a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro, in un incidente d’aereo.

Tentativi di fare propria una terra ridicoli rispetto a ciò che accade oggi, quando piantare una bandiera non interessa più a nessuno, ma si rende schiavo un paese a colpi di sfruttamento minerario. Come stanno facendo la Allana Potash, multinazionale del potassio, o le imprese cinesi, che a ritmi impressionanti asfaltano il deserto per farci passare tir e camion.

7,99 12,70 

Svuota
Approfitta dello sconto del 15% su tutti i libri.