Chiudi

Ricerca

Le nostre vite in gabbia

Intrappolati nelle loro vite “a schiera” in quel di Cortesforza, centro residenziale immaginario ma fin troppo reale alle porte di Milano, i personaggi di L’ubicazione del bene (Einaudi), secondo lavoro di Giorgio Falco dopo il precedente Pausa caffé (Sironi), lottano per restare a galla, alla ricerca di un “bene” che non riescono a trovare.

Scrivi che Cortesforza è “qualsiasi luogo”. Perché?
Cortesforza è la rappresentazione di tutti i possibili luoghi suburbani, costruiti sul modello americano adattato al territorio italiano: dipendenza dall’auto, dispersione abitativa che coincide con una dispersione affettiva. Un luogo politico, pur nella sua asetticità che, fin dal nome, sminuisce anche la Storia. I personaggi hanno comprato qualcosa di più di una casa: uno stile di vita, e quindi, un sogno.

I tuoi personaggi cercano un surrogato della felicità in una casa nuova, in un figlio o in un animale domestico…
Sì, si aggrappano ipnotizzati a un figlio o a un cane, che non sono nemmeno desideri reali ma simulacri. E poi, se una casa li impegna in trenta anni di pagamento – metà della loro vita – quel bene (immobiliare) dovrà pur significare qualcosa. Ci sarà, da qualche parte – forse ovunque – anche il Bene, ma non sono capaci di riconoscerlo. Mi interessa questa ricerca.

Come si esce dalla spirale casa-ufficio-casa-centro commerciale?
Beh, per il lavoro già tante persone sono in condizione di essere fuori da questa spirale. Per i personaggi del mio libro, la merce non ha più alcun senso, a parte per il recluso di un ospedale psichiatrico. Scegliendo di vivere a Cortesforza, luogo che è già un prodotto, sono talmente dentro la merce da dimenticarla. Hanno virato verso un attaccamento alla vita quasi animale: non a caso il libro pullula di pesci, pulci, pulcini congelati, serpenti, scimmie e molti altri animali, che sono il correlativo oggettivo dei personaggi.

  • Iscriviti alla nostra newsletter

    Subscribe to our newsletter

    Our monthly newsletter with a selection of the best posts

  • Terre di mezzo

    Casa editrice con sede a Milano. Pubblichiamo 70 titoli all’anno, scelti e realizzati con cura per voi.
    I Percorsi a piedi e in bicicletta, i libri per bambini de L’Acchiappastorie, i manuali creativi delle Ecofficine sono le nostre collane principali.
    Per primi abbiamo pubblicato la Guida al Cammino di Santiago, titolo bestseller oggi giunto alla 12ma edizione.
    Tra i nostri libri più amati e conosciuti: La grande fabbrica delle parole, albo illustrato da Valeria Docampo e la serie Dory Fantasmagorica, di Abby Hanlon.

Nessun prodotto nel carrello.