Chiudi

Ricerca

Libri contro gli stereotipi di genere

violetta

25 novembre, Giornata contro la violenza sulle donne. Se ne parla sempre eppure non se ne parla mai abbastanza. Al di là della denuncia, soprattutto coi piccoli bisogna lavorare sulla prevenzione, sugli anticorpi: e niente di più efficace che un libro, anche stavolta. Oggi lasciamo quindi la parola ad alcune eroine che ci hanno ispirato in questi anni e che speriamo che tutte le bambine e i bambini possano incontrare lungo il loro percorso.

Violetta Urlavento, in fuga da un padre violento, trova un rifugio, un vero mondo magico dove essere semplicemente sé stessa. Impara però ben presto che per certe brutalità non ci sono magie che possano proteggerci. Ci sono però altri strumenti e, soprattutto, altri aiutanti che possono farci diventare le protettrici e i protettori di noi stessi.


Lo sa bene anche l’Impavida Aurora, piccola-grande condottiera coraggiosa che ben si discosta dalle principessine ossessionate dalla magrezza e dal bel canto. Aurora non teme né i draghi né i principi perché in fondo, ormai lo ha imparato, spesso dietro queste creature si celano dei veri e propri storditi… E che dire di Nina? Lei non si fa intimorire nemmeno dai quei pazzi Plutoniani! Infatti, con grande intelligenza e tenacia, la bambina insegnerà anche agli extraterrestri che siamo tutti “diversi” secondo qualcun altro e che forse è proprio questa diversità a renderci simili. Sicuramente anche Olga si è sempre sentita diversa: lei adora gli animali (specialmente Meh) e la ricerca. Sì, la scienza è per tutti, e di certo nessuno batte la scienziata dal vestito rosso in zoologia! E non dimentichiamoci di Lexie, detta anche la supermigliore raccontastorie di Shreveport, che assieme a quelle mostrine delle sue amiche darà una bella lezione alla terribile Euphemia Vile. Il mondo infatti non ha bisogno di  signorine “a modo”, ma di valorose e valorosi di tutte le forme e di tutti i tipi.

OLGA E AURORA, BAMBINE SENZA ETICHETTE

Per approfondire, leggi anche il post scritto per noi da Daria Tinagli, rubrica La bussola dei libri
Olga e Aurora sono le protagoniste di storie molto diverse. Il loro aspetto e i loro interessi sono diversi. Olga e Aurora si assomigliano però nella voglia di essere se stesse, senza etichette e senza paura.
Olga è una bambina che ama la scienza e ha una forte vena umoristica
Aurora è una giovane principessa che ama farsi tante domande e ha un forte senso di giustizia.
Quello che le accomuna è il loro coraggio, che in ognuna ha sfumature diverse.
Olga e Aurora sono in un certo senso “bambine senza etichette”: per essere se stesse non hanno bisogno di imitare o scimmiottare un’immagine già pronta, e neppure di opporvisi o svilirla. Semplicemente sono bambine che non vogliono etichette, inutili e ingombranti, che non possono essere abbattute con parole nuove e d’effetto, parole che poi vengono consumate in fretta.
La vera conquista di Olga e Aurora è la libertà, quella che possiamo mostrare e auspicare per le nostre bambine (e, perché no, anche per i bambini).
E’ la libertà di non aderire ad alcuno stereotipo per piacere e per piacersi.
La vera libertà sarà offrire ai nostri bambini la possibilità di scegliere ogni volta chi essere e come essere, senza rinunciare a qualcosa di se stessi, qualsiasi cosa sia.

  • Iscriviti alla nostra newsletter

    Subscribe to our newsletter

    Our monthly newsletter with a selection of the best posts

  • Terre di mezzo

    Casa editrice con sede a Milano. Pubblichiamo 70 titoli all’anno, scelti e realizzati con cura per voi.
    I Percorsi a piedi e in bicicletta, i libri per bambini de L’Acchiappastorie, i manuali creativi delle Ecofficine sono le nostre collane principali.
    Per primi abbiamo pubblicato la Guida al Cammino di Santiago, titolo bestseller oggi giunto alla 12ma edizione.
    Tra i nostri libri più amati e conosciuti: La grande fabbrica delle parole, albo illustrato da Valeria Docampo e la serie Dory Fantasmagorica, di Abby Hanlon.

Nessun prodotto nel carrello.